Scuola, università e ricerca: firmato il contratto

In Veneto sono 77 mila i lavoratori interessati

Beneficeranno del rinnovo per la scuola pubblica più di 48mila docenti (di cui 7.500 supplenti annuali), quasi 16mila di personale Ata, il personale delle università (6 mila persone) e i dipendenti degli istituti di ricerca (600 lavoratori).

La firma del contratto nazionale di lavoro Istruzione e Ricerca riguarda in Veneto circa 77 mila lavoratori a tempo indeterminato. Il dato viene fornito da Sandra Biolo, segretaria di Cisl Scuola Veneto che esprime una valutazione positiva del faticosissimo rinnovo: "Con questa firma, oltre ad essere stati rafforzati tutti i livelli di contrattazione, compreso quello di istituto (valorizzando quindi il ruolo delle Rsu i cui rinnovi sono in calendario ad aprile). Inoltre sono state riportate alla negoziazione materie quali la formazione e le risorse destinate alla valorizzazione professionale. Ripristinando l’identità di scuola come comunità educante si rafforza un modello che ne valorizza fortemente la dimensione partecipativa e la collegialità».
In Veneto beneficeranno del rinnovo per la scuola pubblica più di 48mila docenti (di cui 7.500 supplenti annuali) e quasi 16mila di personale Ata (a cui si aggiungono 560 posti in deroga). Poi il personale delle università (6.000 persone) e i dipendenti degli istituti di ricerca, altri 600 lavoratori.